A 30 MINUTI DA TORINO – Una parte dei test per lo sviluppo delle auto che vedremo sul mercato è svolta dalla FCA al Circolo Polare o in Sud Africa, come hanno mostrato i primi due episodi di FCA What’s Behind, una serie di video in cui il gruppo italo-americano mostra il dietro le quinte delle fasi di ricerca e di sviluppo delle sue automobili prima dell’entrata in produzione. Ai collaudi in condizioni climatiche assai impegnative si affiancano i test nel centro prove di Balocco, in provincia di Vercelli, protagonista della terza puntata di What’s Behind (guarda il video qui sotto): qui la FCA effettua circa 200.000 ore di prove all’anno, ma organizza anche corsi di guida, presentazioni di nuove auto alla stampa ed eventi per clienti.

VENTISEI CIRCUITI – Il centro prove di Balocco (dove anche alVolante realizza le prove, qui per saperne di più) fu costruito nel 1962 per volere dell’Alfa Romeo, che vi sviluppò (attraverso la divisione sportiva Autodelta) numerose auto da corsa. La pista principale, chiamata Misto Alfa Romeo, è un circuito ispirato a famosi tracciati nel mondo, perché due curve richiamano quelle di Monza e un tornante è analogo a quello che si trova nella pista olandese di Zandvoort. Balocco è stato ampliato nel corso degli anni e oggi comprende ventisei circuiti di prova, per test ad alta velocità, su fondi a bassa aderenza, in fuoristrada e anche prove di attraversamento di guadi. Qui la FCA può mettere a dura prova le auto in fase di sviluppo, stressando freni, sospensioni e parti meccaniche, tanto è vero che le bastano cinque mesi di test a Balocco per riprodurre dieci anni di utilizzo quotidiano da parte dei clienti.

LE ALTRE PUNTATE

I test al circolo polare

I test al caldo torrido

Fonte dell’articolo